Nasce a Desio, in provincia di Monza Brianza.
Per molti anni vive in Sicilia a Castelvetrano e consegue il diploma all'Istituto d'Arte di Mazzara del Vallo.
Dopo essersi specializzata in ceramica, si dedica alla pittura sua vera vocazione.
Nella pittura di Cristina si alternano soggetti d'arte sacra, icone del nostro tempo e splendide donne colte in pose suadenti.
La dolcezza e la sensibilità dell'artista emergono in maniera immediata dalle tele di arte sacra, come sulla splendida Madonna con bambino nella quale con grande raffinatezza e maestria l'artista elabora una sua linguistica.
E'' nei soggetti profani invece che il tempo risulta sospeso e le immagini cristallizzate in un presente fuori dal mondo, per rendere immortali icone come Marilyn e Totò con un costrutto compositivo che filtra i dettami della Pop-Art 
per imporsi come suo personalissimo idioma.
Le sue donne seducenti ma mai volgari, sono irradiate da giochi di luce da cui emergono i volumi 
offrendoci una poetica visiva elegante e sublime.